Criteri di autosospensione

Esclusione permanente

Purtroppo ci sono determinate condizioni che non permettono di donare: alcune causano l’esclusione permanente dalla donazione, altre invece prevedono una sospensione temporanea dalla donazione per un periodo di tempo più o meno lungo prima di poter riprendere a donare.

Criteri di esclusione permanente dalla donazione di sangue a protezione della salute del DONATORE

Sono esclusi dalla donazione i soggetti affetti dalle seguenti patologie:

Criteri di esclusione permanente dalla donazione di sangue a protezione della salute del RICEVENTE

Sono sempre esclusi dalla donazione i soggetti affetti dalle seguenti patologie:

Sospensione temporanea

In alcuni casi, invece, alcune condizioni costituiscono motivo di sospensione soltanto “temporanea” dalla donazione di sangue.

ATTENZIONE! Per poter riprendere a donare il periodo indicato deve essere completamente trascorso. Ad esempio, se sono indicate 48 ore (2 giorni) non è possibile presentarsi il secondo giorno, perchè le 48 ore devono essere completamente trascorse e quindi sarà possibile donare solo a partire dal terzo giorno.

MALATTIE COMUNI
CAUSE SOSPENSIONEDURATA SOSPENSIONE
RaffreddoreSospensione solo in fase acuta (lacrimazione, cefalea, malessere) sino alla scomparsa dei sintomi.
Febbre maggiore di 38 gradi2 settimane dalla scomparsa dei sintomi.
Gastroenterite virale2 settimane dalla scomparsa dei sintomi.
Infezioni addominali, infezioni respiratorie e urinarie15 giorni dalla cessazione dei sintomi.
Malattie esantematiche2/3 settimane dalla guarigione.
Virus erpeticiSospensione fino alla guarigione delle lesioni per H.simplex per 2 settimane dopo la guarigione per Zoster.
Malattie croniche in generaleSecondo parere del medico Avis.
FATTORI COMUNI ESTERNI
CAUSE SOSPENSIONEDURATA SOSPENSIONE
Tatuaggi, body piercing, foratura delle orecchie 4 mesi dall’evento.
Agopuntura 4 mesi dall’evento.
Nessuna sospensione se il donatore autocertifica che è stata eseguita da personale competente con aghi monouso (o meglio ancora consegna una certificazione rilasciata dal centro).
Puntura di zecca 3 mesi dall’evento.
Uso occasionale e sporadico di sostanze stupefacenti limitato ai cannabinoidi 14 giorni dall’ultima assunzione, previo giudizio positivo del medico Avis.
L’uso abituale, anche se ad intervalli periodici, costituisce criterio di esclusione definitiva.
Uso occasionale e sporadico di sostanze stupefacenti (cocaina e droghe per os e per inalazione) 4 mesi dall’ultima assunzione, previo giudizio positivo del medico Avis.
L’uso abituale, anche se ad intervalli periodici, costituisce criterio di esclusione definitiva.
Comportamenti sessuali a rischio: rapporti con più partner protetti e non protetti, con partner non abituali, occasionali, nuovi, tossicodipendenti4 mesi dall’ ultima esposizione ad una o più delle condizioni di rischio, rappresentate da rapporti eterosessuali/omosessuali/bisessuali con :
– partner risultato positivo ai test per l’epatite B e/o C e/o per l’AIDS o a rischio di esserlo;
– partner che ha avuto precedenti comportamenti sessuali a rischio o del quale il donatore ignora le abitudini sessuali;
– partner occasionale;
– più partner sessuali;
– soggetti tossicodipendenti;
– scambio di denaro e droga;
– partner, di cui non sia noto lo stato sierologico, nato o proveniente da Paesi esteri dove l’AIDS è una malattia diffusa.    L’abitudine a tali tipi di rapporti costituisce criterio di esclusione definitiva.
Esposizione accidentale al sangue anche attraverso strumenti o siringhe 4 mesi.
PER LE DONNE
CAUSE SOSPENSIONEDURATA SOSPENSIONE
MestruazioneSi consiglia di rispettare almeno 6 giorni di sospensione prima e dopo.
Interruzione di gravidanza entro il 3° mese 6 mesi.
Interrruzione di gravidanza dopo il 3° mese 1 anno.
Gravidanza 6 mesi dal parto (a discrezione del medico un anno dalla fine dell’allattamento)
ESAMI CLINICI
CAUSE SOSPENSIONEDURATA SOSPENSIONE
Esame endoscopico 4 mesi
Esame con utilizzo di liquido di contrasto 15 giorni
INTERVENTI CHIRURGICI
CAUSE SOSPENSIONEDURATA SOSPENSIONE
Cure odontoiatriche di minore entità da parte del medico dentista 48 ore.
Intervento chirurgico minore (asportazione neo, lipoma), interventi chirurgici in anestesia locale (tunnel carpale safectomia, ernia inguinale, ecc…)Completa guarigione delle ferita. In caso di terapia antibiotica, attendere almeno 15 giorni dalla fine della terapia.
Intervento chirurgico in endoscopia o con ricovero (colonscopia, gastroscopia, artoscopia, cistoscopia) 4 mesi.
Procedure dentistiche, implantologia ed estrazioni 7 giorni.
Altri interventi chirurgici maggiori (artopotesi, isterectomia, ecc…)Valutazione medica in base al tipo di intervento (non meno di 4 mesi)
Trasfusioni di sangue o emoderivati 4 mesi (per trasfusioni di emocomponenti effettate nel Regno Unito, sospensione definitiva)
Trapianti di tessuti o cellule di origine umana 4 mesi.
USO DI MEDICINALI
CAUSE SOSPENSIONEDURATA SOSPENSIONE
FANS (Aspirina, Aulin, Moment) altri analgesici e antipiretici (ASA, pirazoloni, paracetamolo-Tachipirina) 5 giorni dall’ultima somministrazione se in terapia, se occasionale nessuna sospensione.
Assunzione di pillola anticoncezionaleNessuna sospensione.
Corticosteroidi sistemici 15 giorni. Con valutazione medico Avis.
Antibiotici, antimicotici, antipsoriasici, antivirali 15 giorni dall’ultima somministrazione.
Terapia desensibilizzante 72 ore dall’ultima iniezione.
VACCINAZIONI
CAUSE SOSPENSIONEDURATA SOSPENSIONE
Vaccini: per influenza, papilloma virus, pertosse, colera, difterite, epatite B, febbre delle montagne rocciose, meningococco, peste, pneumococco, poliomelite (vaccino inattivo potenziato), tetano, febbre tifoide e paratifoide (vaccino orale) 48 ore.
Vaccino rabbia successivo ad un morso 1 anno.
Vaccino epatite A 28 giorni.
Vaccini per morbillo, parotite, poliomielite (vaccino orale), rosolia, TBC, vaiolo – febbre gialla, febbre tifoide e paratifoide (intramuscolo) 30 giorni.
Immunoglubuline 4 mesi.
Psicofarmaci: antidepressivi, neurolettici, litio, stabilizzanti dell’umore 6 mesi dal termine della terapia. Riammissione previa certificazione specialistica. L’uso occasionale, sporadico ed a bassi dosaggi di ansiolitici non controindica la donazione.
Vaccini contro il Covid-19 a vettore virale (AstraZeneca/Vaxzevria, Johnson & Johnson/Janssen) e a mRNA (Pfizer/Comirnaty, Moderna)48 ore dalla somministrazione. Se successivamente alla vaccinazione compaiono sintomi come febbre o spossatezza attendere almeno 7 giorni dalla risoluzione dei sintomi.
MALATTIE INFETTIVE
CAUSE SOSPENSIONEDURATA SOSPENSIONE
Glomerulonefrite acuta5 anni dalla completa guarigione
Brucellosi, Osteomielite, Febbre Q, Tubercolosi2 anni dalla completa guarigione.
Febbre reumatica2 anni dopo la cessazione dei sintomi in assenza di cardiopatia cronica.
Malattia di Lyme12 mesi dopo la guarigione.
Toxoplasmosi, Mononucleosi infettiva6 mesi dalla completa guarigione
Malattia di Chagas (tripanosomiasi americana);I soggetti: nati (o con madre nata) in Paesi dove la malattia è endemica;che sono stati trasfusi in tali Paesi;che hanno viaggiato in aree a rischio (rurali) e soggiornato in condizioni ambientali favorenti l’infezione (camping, trekking); possono essere ammessi alla donazione solo in presenza di un test per anticorpi anti-Tripanosoma Cruzii negativo.  
Febbre >38 °C , Affezioni di tipo influenzale2 settimane dopo la cessazione dei sintomi.
MalariaI soggetti che hanno vissuto per un periodo di 6 mesi o più (continuativi) in zona endemica in qualsiasi momento della loro vita:devono essere sospesi dalle donazioni per almeno 6 mesi dall’ultimo soggiorno di qualsiasi durata in zona ad endemia malarica;possono essere accettati come donatori se risulta negativo un test immunologico per la ricerca di anticorpi anti-malarici, eseguito almeno 6 mesi dopo l’ultima visita in area ad endemia malarica;se il test risulta ripetutamente reattivo, il donatore è sospeso per 3 anni; successivamente può essere rivalutato e accettato per la donazione se il test risulta negativo.I soggetti che hanno sofferto di malaria o che hanno sofferto di episodi febbrili non diagnosticati compatibili con la diagnosi di malaria durante un soggiorno in area ad endemia malarica o nei 6 mesi successivi al rientro:devono essere sospesi dalle donazioni per almeno 6 mesi dalla cessazione dei sintomi e dalla sospensione della terapia;possono essere accettati come donatori se risulta negativo un test immunologico per la ricerca di anticorpi anti-malarici, eseguito almeno 6 mesi dopo la cessazione dei sintomi e la sospensione della terapia;se il test risulta ripetutamente reattivo, il donatore è sospeso per 3 anni; successivamente può essere rivalutato e accettato per la donazione se il test risulta negativo.Tutti gli altri soggetti che hanno visitato un’area ad endemia malarica e che non hanno sofferto di episodi febbrili o di altra sintomatologia compatibile con la diagnosi di malaria durante il soggiorno o nei 6 mesi successivi al rientro:possono essere accettati come donatori se sono passati almeno 6 mesi dall’ultima visita in un’area in un’area ad endemia malarica, e se risultano negativi a un test immunologico per la ricerca di anticorpi anti-malarici;se il test risulta ripetutamente reattivo, il donatore è sospeso per 3 anni; successivamente può essere rivalutato e accettato per la donazione se il test risulta negativo;se il test non viene effettuato, il soggetto può donare se sono passati almeno 12 mesi dall’ultima visita in un’area ad endemia malarica.  
Virus del Nilo Occidentale (WNV);  28 giorni dopo aver lasciato o dopo aver soggiornato almeno una notte in un’area a rischio per l’infezione da virus del Nilo occidentale documentato attraverso idonei sistemi di sorveglianza epidemiologica (l’esclusione temporanea non si applica nel caso in cui sia eseguito, con esito negativo, il test dell’acido nucleico (NAT) in singolo;4 mesi dalla completa guarigione in caso di soggetto con diagnosi di infezione.  
Malattie tropicaliViaggi in aree tropicali
– 6 mesi dal rientro; valutare lo stato di salute del donatore con particolare attenzione ad episodi febbrili dopo il rientro, e le condizioni igienico-sanitarie ed epidemiologiche della zona in causa.Viaggi in Paesi al di fuori delle aree tropicali, dove è segnalata la presenza di malattie tropicali
– si applica un periodo di sospensione stabilito sulla base della specifica malattia infettiva present  

Questo sito si avvale di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.